Categorie
in evidenza News Rassegna stampa

Kaba Edizioni, con il marchio Al3viE, al Bologna Children’s Book Fair 2024.

“Essere in/segnati dalla poesia”: incontro con le poete Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini, attraverso i testi “ninnananna talamimamma” e “Istruzioni per l’uso di ninnananna talamimamma”, martedì 9 aprile al Bologna Children’s Book Fair 2024.

Intervento della poeta Anna Maria Farabbi.

«Io dimoro dentro il canto, io sono il canto. Il filosofo Umberto Galimberti ha fatto una proposta: alla scuola dovrebbe essere riconsegnata come atto formativo la filosofia. Io dimoro nella poesia. Cosa è la poesia e cosa può formare? Cosa è la poesia e cosa è l’atto formativo della poesia? Una persona a me cara, per spiegare cosa è la poesia, ha scelto l’immagine di un uomo che sta sopra una collina e vede passare un treno. Secondo lui la poesia è chi vive il treno andando.

La filosofia è una formazione utilissima in questo momento di caos cannibalico: consente l’esercizio della roteazione del pensiero, l’esercizio della dialettica. La poesia, a mio parere, non è l’omino che sta dentro la prima carrozza in un binario costituito: è invece la persona che crea il viaggio e gli stessi binari del treno, avendone consapevolezza. La poesia è la creazione.

Io propongo di portare la poesia fin dall’asilo nido. È un atto formativo, sociologico, politico, esistenziale, artistico. Pone all’attenzione. Si tratta di riuscire a stare in una tensione. Nella concentrazione. Costruire un centro e stare dentro. Il centro è il canto. Esercita l’ascolto.

La poesia si costituisce radicalmente nell’oralità. Dimorare nel canto, significa dimorare nella poiesis, in una gestione economica del profondo. Esercita in un’economia del verbale. Entra in una nominazione. Nominiamo le azioni della propria interiorità. La poesia permette una formazione sulla differenza tra espressione e comunicazione. Entra in dinamiche arcaiche, profonde.

C’è una grande necessità di portare anche la poesia nella scuola come atto formativo. La filosofia accede ad una razionalità. La poesia si arresta quasi barcollando. Ci sono poeti con un orecchio assoluto. Penso ad Amelia Rosselli, Paola Febbraro.

Nella statistica economica, molti, mi riferisco soprattutto a poete, non ce la fanno per questa disposizione totalizzante al canto. C’è spesso anche un’indipendenza rispetto al mondo dell’editoria.

Porgiamo, dunque, la poesia alla nuova generazione.

Io vengo dalla scrittura per adulti, ma sono nata nella poesia.

Alle presentazioni abbiamo partecipanti dai 50 anni in su. Fino alle elementari in genere c’è una fioritura espressiva e gli insegnanti sono in connessione con l’espressività lirica dei ragazzi. Alle medie, poi, il dirupo.

È necessario vedere quanto la poesia si regge da sola e quanto con l’illustrazione. La nostra è una società consumistica che viaggia in maniera volontaria puntando all’occhio. Anche per questo, lavoro con i ciechi, i sordi, i malati psichici. Noi abusiamo della vista, che a volte va ad estinguere le altre sensorialità. Il sentire inizia nell’utero, attraverso la pelle. Ripartiamo dalla grana della voce e dalla radice orale della poesia. M’interessa il flusso verbale lirico, non edulcorato, sentimentale, anacronistico. Attivo la passionalità intera del mio corpo, certo, perché sono allarmata di una società distruttiva della fioritura del ciliegio. I ragazzi oggi sono spostati da ciò che fluisce in certe poesie loro proposte. Cantare è avere di fronte qualunque creatura, con un registro scrittorio che vale dai 6 mesi ai 600 anni. La ninnananna arresta il battito cardiaco del neonato come dell’anziano. Non serve individuare un registro di lettori. M’interessa una poiesis che abbia anche una vocalità. La gradazione della voce senza ostentazione è frutto di esercizio. Occorre insegnare l’ascolto della poesia, accendere un senso del viaggio, in un gioco, inteso kafkaniamente, in opere d’arte anche cinematografiche (come le creazioni di Miyazaki). La poesia è un’oasi di ricreazione del proprio sé. Incontrando maestri, punti di riferimento, come Gino Strada, Aldo Capitini. Etty Hillesum lancia dal treno, che dal campo di concentramento sa la condurrà alla morte, un foglio con queste parole: lasciamo il campo cantando. Ha un senso, dunque, l’orecchio assoluto. È questione di vita o di morte. Lei porta la sua poesia e dietro le spalle testimonianze d’insegnanti che l’hanno segnata dentro. Ecco dunque la poesia organica. La porto e mi attraversa dalla punta dei piedi alla fontanella cranica. La porto a tutti e a tutto.  Il canto interrompe l’essere umano e lo dichiara disabile per non capire tutto. Lo pone di fronte ad una parete verticale.

La filosofia acuisce il pensiero ma la poesia accoglie il pensiero e crea.

Mio padre mi ha tolto la parola, perché la poesia non era utile.

La poesia è nascita, creazione di un ponte. Il canto risponde un impensato e un impensabile. L’immagine sulla copertina di “ninnananna talamimamma” rappresenta la palla gettata da una bambina internata ad Auschwitz. È piena di colori: porta la fiducia nel mondo. Ci chiede di essere ricettivi l’uno nei confronti dell’altro, responsabili di una connessione culturale. La mimamma è anche la grande madre: siamo sempre al cospetto dei futuri e degli antichi. L’origine della poesia è dalla ninnananna. Viene dalla preistoria: è il primo atto delle donne che raccoglievano la voce usata come gesto corporeo di abbraccio e pacificazione del bambino, un flusso trasversale tra la bocca e il bambino. L’origine della poesia è creaturale».

Intervento della poeta Milena Nicolini

«Per fare arrivare alla poesia non si può semplicemente delegare al sentire. La poesia ha anche un suo rigore, un suo linguaggio. L’inconscio è il punto in cui s’incontrano la materia e la parte effimera, lo spirito, con il logos. La poesia sta su quel confine tumultuoso in cui s’incontra la possibilità di dirla. La metafora è quella proporzione zoppa che scatta quando manca la parola per dire quella cosa. Mi permette di dire trasportando in un altro ambito. È la parola che vive del rapporto con l’esperienza. La poesia innesca le possibilità di connessione, di fare rete con la parola. Questa rete non ha termine: è un angolo aperto che va all’infinito. Si tratta di una polisemia, nell’esperire del mondo in modo sempre diverso. La poesia dà la possibilità di conoscere se stessi».

Anna Maria Farabbi

«La poesia segna dentro. Insegnare significa essere segnati interiormente, nel profondo. La poesia mi è venuta addosso: non è una scelta ma una dimora biologica dentro cui si è chiamati ad un ascolto totale dell’io profondo e ad una creazione, quindi ad una espressività di questo io profondo. Ciò non significa avere una posizione fetale di un io chiuso in se stesso, ma di un io che canta se stesso e il mondo a cui è connesso. Quindi si è sempre allievi di questa tensione, di questa “at-tenzione”».

Milena Nicolini

«Io sono in/segnante, quindi la poesia mi è capitato d’insegnarla ma mi ha anche insegnato molto. Per entrare nella poesia, e goderne completamente la polisemia, occorre conoscerla come linguaggio particolare, che non è sempre così semplice. La poesia ha diversi gradi di lettura, può essere letta per una piacevolezza immediata, ma anche con tutta la sua complessità. Occorre quindi conoscerne alcuni strumenti: è il motivo per cui ho osato affiancare alle poesie di Anna Maria Farabbi questa lettura critica. La poesia in/segna, nel senso che quando hai imparato ad andare dentro a tutti i suoi molteplici significati, ti accorgi che ti ha dato strumenti importantissimi anche per andare dentro alla parola quotidiana. Siccome la poesia ti obbliga a sospettare i sensi in più e i legami che le parole riescono a costruire, ti abitui ad essere molto attenta sulla scelta delle parole, sulle loro gradazioni, su come le parole espandono la loro aura. Quindi è anche un importante mezzo critico generale. In poesia è possibile dire delle cose che non sono dicibili in altro modo, perché probabilmente, come dicono molte teorie, il linguaggio della poesia è assolutamente a cavallo tra la dimensione razionale, simbolica, dell’essere umano e la dimensione del materico. In quel buio della psiche si incontra la matericità pura con il logos. Alcuni dei suoi strumenti sono infatti comuni al mondo del sogno. Imparare a entrarci dentro e a prendere tutto il possibile, che non è mai finito, è come la vita, l’esperienza, va avanti con il mondo, il tempo, le persone. È veramente un’educazione culturale ma anche al profondo. Per questo se si facesse bene, a cominciare dalle scuole elementari, si darebbero strumenti critici potentissimi alle persone.»

Raffaella Polverini

«La presentazione Essere in/segnati dalla poesia porta alla luce, attraverso la voce delle due poete Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini, un progetto in poesia molto caro e importante per Kaba edizioni e Al3vie, i due marchi editoriali che rappresento dal 2009. Le due opere ninnananna talamimamma di Farabbi e Istruzioni per l’uso di ninnananna talamimamma di Nicolini, sono rivolte a bambini, bambine, ragazzi, ragazze e al corpo docente che è costretto a muoversi nella scelta dei soliti testi scolastici e spesso poco conosce la poesia contemporanea. Le parole di Anna Maria Farabbi ne racchiudono l’essenza “progetto di politica culturale che ripristina il significato del lavoro nella poesia e fa rientrare una didattica nello stesso».

 

 

 

Categorie
Autori in evidenza News Rassegna stampa

Essere in/segnati dalla poesia: incontro con Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini

Essere in/segnati dalla poesia: incontro con Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini  

 

Categorie
Autori in evidenza News Rassegna stampa

Kaba edizioni – Al3vie alla fiera Bologna Children’s Book Fair, 8 all’11 Aprile.

Saremo presenti alla fiera Bologna Children’s book fair dall’8 all’11 Aprile, padiglione 25 stand A/21 insieme all’Associazione Adei.
Ci accompagneranno in queste giornate dedicate all’editoria per bambine, bambini, ragazze e ragazzi l’autrice Chiara De Giorgi che ha pubblicato con noi i libri della Collana Imparare è un’avventura e le poete Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini per parlare di poesia.
Ci raggiungerà anche l’autrice Roberta Martinetti che entrerà nel catalogo Kaba edizioni con l’antologia Polvere di Fata.
L’opera accoglierà storie provenienti dalla Finlandia, Paesi Bassi, Belgio, Turchia, Grecia, Italia e Brasile, con un’introduzione e conclusione di Chiara De Giorgi e la curatela di Ünver Alibey. In uscita ad Aprile.
Categorie
Autori in evidenza News Rassegna stampa

KABA EDIZIONI AL BOLOGNA CHILDREN’S BOOK FAIR: 9 APRILE ORE 16.15. Essere in/segnati dalla poesia: incontro con le poete Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini

KABA EDIZIONI AL BOLOGNA CHILDREN’S BOOK FAIR: 9 APRILE ORE 16.15. Essere in/segnati dalla poesia: incontro con le poete Anna Maria Farabbi e Milena Nicolini

 

Categorie
in evidenza Libro del mese Rassegna stampa

Sebastiano Aglieco, CUORE MATTO

Sebastiano Aglieco, CUORE MATTO

Categorie
in evidenza

ninnananna talamimamma fra le opere proposte al Premio Strega poesia 2024

Premio Strega Poesia 2024: 144 LE opere iscritte al concorso

Premio Strega Poesia 2024: le 144 opere iscritte al concorso

Sono ben 144 i libri iscritti al concorso del Premio Strega Poesia 2024, costola del più importante premio letterario del Paese nata nel 2022 con la prima edizione svolta lo scorso anno e che ha visto la vittoria di Vivian Lamarque e del suo L’amore da vecchia.

La lista dei libri partecipanti alla II edizione del Premio Strega Poesia è stata diffusa in occasione della Giornata mondiale della Poesia.

Il Comitato sceglierà la dozzina dello Strega Poesia

Ora sarà compito del Comitato scientifico – composto da Maria Grazia Calandrone, Andrea Cortellessa, Mario Desiati, Elisa Donzelli, Roberto Galaverni, Valerio Magrelli, Melania G. Mazzucco, Stefano Petrocchi, Laura Pugno, Antonio Riccardi e Gian Mario Villalta – scegliere fra i 144 lavori i dodici libri da candidare ufficialmente. La dozzina del Premio Strega Poesia sarà divulgata il venerdì 5 aprile.

Categorie
Autori in evidenza News

ninnananna talamimamma: le cantilene poetiche di Anna Maria Farabbi su Libri e parole

Ninnananna talamimamma: le cantilene poetiche di Anna Maria Farabbi

 

Il titolo, appena schioccato sulle labbra, evoca prontamente la lunga tradizione della “cantilena”, della rima baciata, della filastrocca chiamata a snodarsi in continui rimbalzi sonori, quasi fosse un ruscello nato solo per saltare sopra i sassi, canticchiare tra i ciottoli o mormorare beatamente in mezzo ai giunchi. Tuttavia Anna Maria Farabbi, autrice di Ninnananna talamimamma (Kaba in coedizione con Pièdimosca), confonde rapidamente le carte, muta le regole del gioco e come un abile funambolo o un destro giocoliere – a cui le sfere non sfuggono mai di mano, mai cadono rovinosamente a terra – apre per gli ascoltatori e le ascoltatrici nuovi panorami. Offre a chi legge altre inesplorate rotte.

Ninnananna talamimamma
Così ecco che proprio sotto i nostri occhi la lunga tradizione della cara, longeva filastrocca lascia cadere quel suo vecchio abito (adorabilmente polveroso) per abbracciare una piccola, grande metamorfosi ovvero una multimedialità che consenta l’uso di ogni forma d’arte, di ogni slancio creativo, di ogni moto propulsivo che vada incontro al mondo, alla vita, alla realtà nella sua intransigente e drammatica realtà.

Lo sguardo di Farabbi non indietreggia. Non distoglie mai la propria attenzione, ma scruta puntualmente e a fondo, desiderosa ogni volta di raccontare l’esistenza attraverso il canto fluido e assoluto della poesia.

Istruzioni per l’uso di Ninnananna talamimamma
Il libro, scritto per grandi e piccini (e che può essere ora ascoltato anche in QR code) trova nel saggio di Milena Nicolini Istruzioni per l’uso di Ninnananna talamimamma (Al3vie, marchio Kaba edizioni, sempre in coedizione con Pièdimosca) un impagabile compagno di viaggio. Un commentario largo e meticoloso. Una guida briosa e attenta tra le tante figure retoriche che arricchiscono, senza mai appesantirli, la voce e il racconto di Anna Maria Farabbi.

Una poesia di Anna Maria Farabbi
Per stuzzicare a questo punto il vostro appetito che ci auguriamo sia nel frattempo cresciuto a dismisura, vi lasciamo con alcuni versi presi (e come poteva essere diversamente?) da Ninnananna talamimamma.

Ore due

nella notte ninne nanne nascono da un giardino di pietre sonore
suonate dal vento san sperate dorme
io no il mare no
l’aria no maria lai no
il nastro che unisce le montagne per testimoniarle alla pace no
il filo che rammenda che cuce che ammaglia che scrive
sulla tela sul pc sulla lana sulle carte no

sciola che ha scolpito questa orchestra minerale
porta nel vento il suo giardino che va dove vuole e ride
ride mentre tu credi che ciò che non si vede non esiste
e che ogni creatura immobile sia silenzio e morte

I libri
Anna Maria Farabbi
Ninnananna talamimamma
Kaba / Pièdimosca, 2023

Milena Nicolini
Istruzioni per l’uso di Ninnananna Talamimamma
Alt3viE / Pièdimosca, 2023

Categorie
Autori in evidenza News

Su Incroci on line ninnananna talamimamma

Anna Maria Farabbi, “Ninnananna talamimamma”

 

Categorie
Autori in evidenza News

ninnananna talamimmma e Istruzioni per l’uso di ninnanannna talamimamma a La Nuova Riviera con Giovanna Frastalli

Nonostante il tempo minaccioso, abbiamo scelto Santa Maria della Rocca ad Offida, per accogliere “Ninnananna Talamimamma” di Anna Maria Farabbi e “Istruzioni per l’uso di ninnananna talamimamma” di Milena Nicolini, Kaba edizioni & pièdimosca edizioni
“Questa opera intera è dedicata alla Befana, che considero la grande mamma, la mamma delle mamme: la mia maestra.
Questo è uno dei suoi insegnamenti:
se ti senti separata. sei sola
e tristemente singolare
ma se ti senti insieme alle altre creature del creato
diventi gioiosamente plurale”
Anna Maria Farabbi è poeta, narratrice, saggista, traduttrice.
Tra le sue ultime opere La via del poco e Il canto dell’altalena, due coedizioni Al3vie – piedimosca.
Tra la narrativa per ragazzi ricordiamo Caro diario azzurro e La notte fosforescente, Kaba edizioni.
Progetto a cura de La Nuova Riviera
Link per visualizzare il video
Categorie
Autori in evidenza News Rassegna stampa

Da ninnananna talamimamma di Anna Maria Farabbi

Da ninnanna talamimamma di Anna Maria Farabbi
Dedico questo libro alla befana
perché è una femmina che offre la sua età, senza nasconderla, single, femminista, libera, nomade, attraversa i confini e i pregiudizi, non si fa condizionare dalle mode. Cavalca volando una scopa e la rivoluziona, cioè si serve di uno strumento domestico, prevalentemente usato dalle donne in casa, e lo fa diventare un mezzo volante. Non più chiusa tra quattro pareti a spazzare, la befana vola tra cieli, mari e terre, senza ubbidire a chi la vorrebbe casalinga, sedentaria, ubbidiente, domestica e servile…
Questo è uno dei suoi insegnamenti:

se ti senti separata     sei sola
e tristemente singolare
ma se ti senti insieme alle altre creature del creato
diventi gioiosamente plurale