Area Interattiva

Fuori collana

La verit�egli occhi di Sara

L’inizio delle scuole superiori è, per Sara, un momento importante, una vera e propria svolta: ora sa di non essere più una bambina, si sente grande e pronta ad affrontare la vita insieme ai suoi nuovi amici, compagni di viaggio in questa grandiosa avventura.

 

Aggiungi al carrello
AUTORE: Giovanni Signoriello
ILLUSTRAZIONI: Marta Sofia Marzullo
FASCIA D’ETA’: 10+
PAGINE:246
FORMATO: 15x21cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2016
ISBN: 978-88-96411-37-7
RILEGATURA:brossura

Ma non tutto va come avrebbe dovuto: nella scuola si agitano forze misteriose che nascondono un terribile segreto. Qualcuno sta tramando nell’ombra per realizzare un oscuro disegno. Sara, suo malgrado, verrà coinvolta in prima persona e dovrà lottare per non lasciarsi vincere dagli eventi e non perdere la speranza.

Tormentata dagli incubi, dalla stanchezza e da una serie di avvenimenti insoliti, arriverà a un passo dalla follia, dal perdere completamente il controllo della propria vita. Chi è il vero regista di questi eventi? Perché Sara? Che cosa vuole ottenere? Ma la verità ha un prezzo…

Poke storie, qui si tratta di ragazzi veri!!!

Altro che videogiochi…la vita vera è tutta un’altra cosa! O almeno, questo è ciò che pensano Nico, Ale, Dada e Timo, alle prese con mamme e papà bizzarri, insegnanti, mappe concettuali, sogni, delusioni e zii.

Anzi uno zio: Edo, un po’ allenatore, un po’ progettista e forse un poco anche innamorato. Ma soprattutto, e segretamente, incallito giocatore di videogame. Insomma, poche storie: non è facile essere ragazzi e vedersela con adulti che si comportano come bambini!

Ma tra corse in bicicletta e qualche strano incidente, i quattro vivranno una improbabile avventura.

Basta lasciare un poco il videogame preferito e seguirli, per scoprire come si conclude questa storia, tanto si tratta solo di ….   pagine!

Poi, chi lo vuole, può di nuovo tornare a giocare!

Aggiungi al carrello
AUTORE: Gabriella Bordoli
ILLUSTRAZIONI: Jean Pol Vilmin
FASCIA D’ETA’: 10+
PAGINE:194
FORMATO: 13x19,5cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2016
ISBN: 978-88-96411-36-0
RILEGATURA:brossura
PREZZO: € 10,00

Ormai era deciso. Con Timo sì che la cosa si poteva fare! Lui era... lui è un genio!

Potevano pensarci seriamente.

Timo, che è un tipo di quelli che i prof non definiscono certo - in inglese - un leader, stavolta lo diventò.

Per Dada era solo un'avventura:voleva viversela tutta e chissenefrega di cosa gli avrebbero fatto dopo.

Dispi fa dispetti

Ma perché mai dei bambini di quattro anni avrebbero dovuto disegnare su questo libro?

Dispi è cattivo, dispettoso con tutti quanti e nessuno vuole essere suo amico... Ma come mai si comporta così?

Scopritelo insieme a noi!

Avventuratevi anche voi insieme a Bustarossa, Pangiallo e Dispi in questo magnifico viaggio alla scoperta dei sentimenti e dell'amore.

Un libro illustrato dai bambini per i bambini.

 

PREZZO € 10,00

 

Aggiungi al carrello
AUTORE: Silvia Maria Morosi
ILLUSTRAZIONI: fatte dai bambini di 4 anni
FASCIA D’ETA’:4+
PAGINE:32
FORMATO: 21x24cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2015
ISBN: 978-88-96411-34-6
RILEGATURA: punti metallici
PREZZO: € 10,00

C'era una volta una città molto strana dove tutto era fatto di forme colorate. Ogni casa aveva un colore diverso: c'erano case rosa, gialle, verdi, marroni, blu, azzurre, viola e anche case a pois fosforescenti verdi! Ma tutte, assolutamente tutte, erano a forma di quadrato e i tetti erano triangoli rossi.

La scuola, un enorme triangolo blu cielo, si trovava nel centro della città. Proprio accanto alla scuola c'era una piccola chiesa rettangolare, costruita con mattoni di colore arancione, in cui tutti gli abitanti della città si riunivano per la Messa alla Domenica.

In giro per la città si potevano vedere tantissimi alberi. Ogni albero aveva un rettangolo marrone come tronco e un cerchio verde per la chioma.

All'orizzonte si levavano alte montagne, tutte formate da linee zig-zag. Sulla montagna più alta c'era un enorme castello in cui viveva Dispi un personaggio molto particolare. La sua testa era un cerchio giallo, il busto un rettangolo rosso, le braccia e le gambe dei quadrati blu, e le mani e i piedi erano triangoli verdi. Oh, sì! In questa città, anche gli abitanti erano fatti di forme. Dispi tuttavia, non era simpatico e gentile come gli altri abitanti della città.

Zwena che viaggia per terra e per mare

A Zwena piace molto vivere in Mali, nel suo villaggio di Kabalà. Ma c’è poca acqua, ancor meno cibo e inoltre sta diventando un posto pericoloso. Per questo la sua mamma, Malaika, decide di andare in Italia e di far venire in seguito anche Zwena e i suoi due fratelli. E così Zwena, che non era mai uscita da Kabalà, comincia un viaggio lungo e difficile attraverso deserti e in mezzo al mare per raggiungere la mamma e una nuova vita.

 

PREZZO € 10,00

Aggiungi al carrello
AUTORE: Simona Bonariva
ILLUSTRAZIONI: Erika De Giglio
FASCIA D’ETA’:10+
PAGINE:114
FORMATO: 13x19,50cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2015
ISBN: 978-88-96411-35-3
RILEGATURA: Brossura
PREZZO: € 10,00

La palla rimbalzò sul muro e rotolò verso l’erba, l’aveva mancata di un pelo. Nina soffiò via un ciuffo di capelli dagli occhi e corse a raccoglierla. La lanciò di nuovo contro il muro e stavolta riuscì a riprenderla. La lanciò ancora accompagnando i gesti con una specie di cantilena, ogni colpo una sillaba.

“So-le so-le be-ne-det-to sal-ta fuo-ri dal sac-chet-to … ops!” la palla le sfuggì di mano, stavolta andando a rotolare dalla parte del muro, verso un’apertura che Nina non aveva nemmeno notato fino a quel momento, finendoci dentro.
Nina fece per andare a riprendere la palla, ma quella anziché aspettarla là dove era finita rotolò fuori, lontano dal muro, spontaneamente. Nina arricciò il naso “Che cosa…?”

Fece un paio di passi in avanti e stoppò la palla col piede, poi rimase lì a guardarla pensosa. La riprese in mano e provò a tirarla piano verso l’apertura: la palla rotolò dentro, sparendo nella penombra, e di lì a poco tornò fuori rotolando velocemente nella direzione opposta, verso il piede di Nina.

“Questa poi!” Nina raccolse la palla e si avvicinò cautamente all’apertura che dava su uno spazio angusto, senza luce, dove si apriva una porta senza porta sulla destra. Nina si sporse un poco in avanti per dare un’occhiata, ma siccome fuori la luce era molto brillante e dentro era buio, in un primo momento non vide nulla. Lasciò che gli occhi si abituassero alla penombra, finché alcune sagome non cominciarono ad affiorare dal fondo scuro. C’era della roba accatastata in un angolo, casse forse o sacchi e qualcosa di grosso come un armadio. Nina stette ferma ad aspettare, ma tutto era immobile e silenzioso.

“Ehi, c’è qualcuno?”

Solobianco

IN UN POSTO LONTANO, C’ERA UN PAESE TUTTO BIANCO.

TUTTO, MA PROPRIO TUTTO BIANCO, SENZA COLORI. CHE NOIA!

«SE SIAMO TUTTI UGUALI, NON LITIGHIAMO!»

UN GIORNO, DI NASCOSTO, I BAMBINI INIZIARONO A COLORARSI LA PELLE, I CAPELLI, GLI OCCHI, I VESTITI. RIDEVANO COME MATTI E URLAVANO: È BELLISSIMO!

POI ARRIVÒ UNA SPRUZZATA DI ARCOBALENO E… IL PAESE TUTTO BIANCO SI RIEMPÌ DI SPLENDIDI COLORI. OOOH!

PREZZO € 12,50

Aggiungi al carrello
AUTORE: Mirko Montini
ILLUSTRAZIONI: Silvia Fassina
FASCIA D’ETA’:4+
PAGINE:32
FORMATO: 21x24cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2014
ISBN: 978-88-96411-32-2
RILEGATURA: Albo illustrato filo refe
PREZZO: € 12,50

IL GIOCO DEL MAESTRO CARLO

CON IL ROSSO, GIALLO E BLU

FAI I COLORI CHE VUOI TU.

SE AL BLU AGGIUNGI IL GIALLO,

ECCO IL VERDE DEL CORALLO.

L’ARANCIONE VUOI PROVARE?

ROSSO E GIALLO DA MISCHIARE.

PER IL VIOLA, CHE FACCIAMO?

BLU CON ROSSO PASTICCIAMO.

SE LI UNISCI TUTTI E TRE

IL MARRONE È LÌ PER TE.

MA CI SONO DUE FURBETTI,

CHIUSI DENTRO DUE VASETTI:

UNO È IL BIANCO, L’ALTRO IL NERO,

A CHE SERVONO DAVVERO?

SE LA NOTTE È TROPPO SCURA,

METTI IL BIANCO E NON FA PAURA.

MENTRE IL NERO PUÒ COMPARIRE

QUANDO I COLORI VANNO A DORMIRE.

POVERINO, NESSUNO INTORNO

È MEGLIO USARLO PER IL CONTORNO.

La nuvola a forma di castello

Dimitrij Afanasjev è un bambino bielorusso, ospite di un orfanotrofio. Vittima innocente, come molti bambini, dell’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl, ha perso i genitori e l’unico legame che gli è rimasto della sua vita familiare è un libro di fiabe. Dimitrij, per sfuggire alla realtà, si è identificato con il protagonista di una di queste, che rilegge continuamente, cercando contatti tra fiaba e vita quotidiana. Il racconto narra del viaggio che intraprende, con altri bambini, verso l’Italia, per un mese di vacanza e cure, lontano dai luoghi contaminati in cui è costretto a vivere. Sarà un viaggio che mescolerà fiaba e realtà, finendo per confonderle e fonderle in un finale dove ogni conflitto psicologico del bambino verrà risolto.

PREZZO €8,00

Aggiungi al carrello
AUTORE: Aldo Ferraris
ILLUSTRAZIONI: Carla Lissa
FASCIA D’ETA’:8+
PAGINE:64
FORMATO: 13x19,50cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: novembre 2014
ISBN: 978-88-96411-33-9
RILEGATURA: Brossurato
PREZZO: € 8,00

Due storie, quella di Dimitrij, figlio di zar che si scontra con una perfida baba-yaga che gli rapisce i genitori per imprigionarli in una nuvola a forma di castello, e quella di un altro Dimitrij, ai giorni nostri, orfano di genitori rapiti da un’altra forza malefica, quella della radioattività scaturita dalla centrale nucleare di Cernobyl. Due storie che finiranno per confondersi e in questo modo sconfiggere ogni forza negativa e ricreare l’equilibrio perduto di una vita spezzata in due.

 

Joker va in campagna con le pinne

Joker va in campagna (con le pinne) è la storia di un bambino, che si crede supereroe, alle prese con la misteriosa scomparsa dei nonni. I nonni, che vivono in un alpeggio, comunicano alla famiglia che qualcuno deve sostituirli negli improcrastinabili lavori di campagna. Loro devono assentarsi urgentemente e non possono aggiungere altro. Joker e i suoi genitori raggiungono l’azienda agricola di Montegrino, ma non trovano indizi utili per risolvere il caso. Sono molto preoccupati e, per il momento, non possono fare altro che rimboccarsi le maniche e affrontare la dura quotidianità di chi lavora con un gregge di capre, trasforma il latte in formaggio e lo vende al mercato.

PREZZO €12,00

Aggiungi al carrello
AUTORE: Giorgio Martignoni
ILLUSTRAZIONI: Michael Snyder
FASCIA D’ETA’:8+
PAGINE:118
FORMATO: 15x21cm
DATA DI PUBBLICAZIONE: Gennaio 2014
ISBN: 978-88-96411-30-8
RILEGATURA: Brossurato
PREZZO: € 12,00

Joker deve ricorrere spesso ai superpoteri per aiutare i genitori in difficoltà e per svolgere le indagini. In tutti e due i casi ottiene risultati incredibili: salva il gregge dall’inettitudine di suo padre e scopre che alcuni montanari sono dediti a piccole attività illegali. Tra di loro si cela nientemeno che il Dottor Cinghiale, un sinistro Jekill e Hyde, che il Joker sospetta possa aver rapito i nonni.

Sempre più fiducioso nei suoi superpoteri, Joker mette in atto il piano risolutivo. Ma quando sta per spiccare letteralmente il volo, si scontra con la realtà, precipita e per poco non finisce in ospedale. Un disastro totale.

I suoi superpoteri erano tutta un’illusione? Il risveglio è durissimo, soprattutto quando scopre, e con lui lo scoprono anche i suoi genitori, che proprio il dott. Cinghiale vegliava su di loro su incarico del nonno. Era lui che risolveva i piccoli contrattempi che il Joker credeva di aver affrontato con i suoi poteri.

Il nonno glielo aveva chiesto consapevole che il “ramo cittadino della famiglia” avrebbe avuto bisogno di una mano. Sapeva inoltre che il papà del Joker non sarebbe mai venuto in campagna, di sua spontanea volontà, solo per permettere ai suoi genitori di andare a Parigi! Una cosa inaudita! Un capriccio alla loro età! Con un’azienda agricola da mandare avanti! Ma una delle passioni del nonno è quella di fare sculture di legno e, quando si presenta l’occasione per esporre le sue opere in una prestigiosa galleria d’arte, si convince che è giunta finalmente l’ora di seguire i suoi sogni!

Joker è affranto, e vorrebbe passare il resto della sua vita sotto le coperte, soffocato dalla vergogna. Non crede alle sue orecchie quando mamma gli confessa di essere sempre stata al corrente dei suoi superpoteri perché tutta la loro famiglia è una famiglia di “diversamente supereroi!”

Come spiegare altrimenti il fatto che papà si è adattato così bene a vivere lì abbandonando le sue nevrosi da cittadino, che i montanari sono tornati sulla retta via e che l’azienda agricola e la vendita di formaggi vanno a gonfie vele pur in assenza dei nonni? Come spiegare questo cambiamento in meglio della loro vita? Solo grazie a poteri straordinari!

Joker sa bene che tenere nascosta la loro vera identità fa parte del gioco ed è una responsabilità enorme soprattutto ora che sua mamma gli ha spiegato che, proprio lui, ha i poteri più forti in assoluto, quelli che avevano coloro che i supereroi li avevano addirittura inventati: la fantasia e l’immaginazione!

Il mondo è bello. “Dalle stalle alle stelle, e oltre!”